Archive for the ‘Foto’ Category

This blog has just moved to www.silviazanfrini.com

aprile 18, 2013

Il mio blog si è appena trasferito:
www.silviazanfrini.com
D’ora in avanti mi trovate lì.

My blog has just moved to:
www.silviazanfrini.com
Please find me there.

 

header_silviazanfrini

blog silvia zanfrini new

High density architecture

aprile 18, 2013

Progetto del fotografo tedesco Michael Wolf, vincitore del World Press Photo nel 2005 e nel 2010. Lavora sulle città ad alta densità abitativa e sui loro spazi soffocanti. Le immagini qui sotto sono state realizzate a Hong Kong.
Se invece preferite foto di architettura un po’ meno opprimenti, un altro fotografo, Matthias Heiderick, potrebbe fare al caso vostro.

Project by German photographer Michael Wolf, winner of the 2005 and 2010 World Press Photo. He works on high density cities and their suffocating spaces. The pictures below were taken in Hong Kong.
If you like less oppressive architecture pics, another German photographer could be better for you, Matthias Heiderick.

hong kong skyscrapers 2

hong kong skyscrapers 3

hong kong skyscrapers 4

hong kong skyscrapers 5

hong kong skyscrapers

Fonte: La Repubblica

Source: La Repubblica

Happy at hundred

aprile 8, 2013

Centenari meravigliosi ritratti dal fotografo tedesco Karsten Thormaehlen.

Wonderful centenarians portrayed by German photographer Karsten Thormaehlen.

happy_at_hundred

happy_at_hundred_2

happy_at_hundred_3

happy_at_hundred_4

Fonte: La Repubblica

Source: La Repubblica

Thomas Lamadieu – Sky art

marzo 27, 2013

Thomas Lamadieu è un artista francese che propone una nuova prospettiva dell’architettura urbana, utilizzando il cielo come spazio libero per l’immaginazione. Buoni l’idea e il risultato!

Thomas Lamadieu is a French artist who suggests a new perspective for urban architecture, by using the sky as a free space for imagination. Good idea, nice outcome!

208482_516001235117002_1088613251_n

544238_605792846101142_159488316_n

576131_605793119434448_1273144423_n

486516_605792739434486_1879325862_n

544524_605792852767808_1808218851_n

579884_605793099434450_1562893175_n

261395_605792726101154_779322041_n

487480_605792832767810_230586325_n

Un nuovo Giacomelli?

febbraio 19, 2013

Scatto del fotografo polacco Marcin Ryczek. Clicca qui o sull’immagine per vederla grande come lo schermo.

A new Giacomelli? Picture by Polish photographer Marcin Ryczek. Click here or on the picture to see a desktop sized version.

snow

Fonte: Colossal

Source: Colossal

Il cuore – The heart

febbraio 12, 2013

Se navighi in rete durante questo periodo pre San Valentino, è abastanza difficile evitare cuori pulsanti. La cosa migliore da fare è assecondare questo mood e guardarsi attorno. Ed è così che ho trovato un blog visuale interamente dedicato al cuore: the heart. Sembra un Pinterest monotematico, ma offre tanti spunti per scoprire nuovi illustratori.
Qui sotto la mia selezione personale. Clicca sull’immagine per conoscere titolo dell’opera e nome dell’autore.

If you surf the web during this Valentine’s day period, it’s quite difficult to avoid beating hearts. The best thing you can do is going along with the mood and looking around. And that is why I found a really nice visual blog entirely dedicated to heart: the heart. It looks like a monothematic Pinterest, but gives a lot of nice hints to discover new illustrators. 
Below my personal selection. Click on the pics to know more about them!

Heartwarming by Katie Vernon

heart

tumblr_ll74rhJPbb1qialuso1_r1_500

tumblr_luk1466QbZ1qialuso1_r1_500 tumblr_lxi7vhlXjH1qialuso1_500 tumblr_lxtj0oMZu01qialuso1_500 HEART

tumblr_m253b7bMHD1qialuso1_500

tumblr_m566mgYFA01qialuso1_r1_500

tumblr_mh9jk4vPxn1qialuso1_500

tumblr_mhky4hI9Eb1qialuso1_500

Foto…ricamo

gennaio 31, 2013

Ecco una serie di immagini originali della fotografa di Santa Monica, Diane Meyer, con le quali rappresenta luoghi di interesse storico che diversamente andrebbero dimenticati, combinati col punto croce.

Here is a series of pictures by Santa Monica based photographer Diane Meyer. She represents places of historic interest that might otherwise be forgotten, combining them with cross-stitching.

Photography-embroidery-Diane-Meyer-yatzer-3

Photography-embroidery-Diane-Meyer-yatzer-10

Photography-embroidery-Diane-Meyer-yatzer-11

Fonte: Yatzer

Source: Yatzer

Hunger for creativity – Intervista con Christopher Boffoli

gennaio 28, 2013

boffoli caption 5

Christopher Boffoli è un fotografo, scrittore, artista e regista che vive e lavora a Seattle. Principalmente autodidatta, si è dato alla fotografia come hobby durante l’adolescenza, affinando le sue abilità come studente giornalista al liceo e all’università. Ha viaggiato in tutto il mondo, scrivendo e fotografando i suoi viaggi con fotografie e video documentari. A Seattle lavora come scrittore e fotogiornalista, realizzando servizi speciali e lavorando a notizie dell’ultim’ora. Il suo lavoro è stato pubblicato, online e su carta, in oltre 90 paesi.
Big Appetites è un’incredibile serie iniziata nel 2003 e dedicata al cibo, ma non solo.

Persone minuscole in un mondo di dimensioni normali: i viaggi di Gulliver sono una delle tue ispirazioni culturali che arrivano dall’adolescenza?
No, i viaggi di Gulliver di Swift sono certamente un ottimo esempio di un lavoro precursore che sfrutta il contrasto tra dimensioni e lo cito frequentemente come prova del fatto che l’idea di mischiare scale diverse arriva da molto lontano nel tempo. Il fascino che l’uomo prova verso le miniature è sorprendentemente costante nelle culture. Basta pensare che i musei sono pieni di reperti antichi di migliaia di anni che sono essenzialmente idoli e rappresentazioni del mondo reale in miniatura.
Il mio lavoro è stato influenzato maggiormente da molta televisione e dal cinema che ho visto da ragazzino nei tardi anni ’70 e nei primi ’80 che utilizzavano tra l’altro la contrapposizione tra scale differenti: Dr. Shrinker (1976), The Incredible Shrinking Woman (1981), Honey I Shrunk the Kids (ovvero “Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi”, 1986). Ero inoltre un costruttore e collezionista appassionato di macchinine Matchbox dettagliatissime.
L’idea di “mischiare” le persone e il mondo attorno a loro usando scale differenti è stata onnipresente durante tutta la mia infanzia.

Dici che il cibo e i giocattoli sono tra i più comuni elementi di ogni cultura e rendono il tuo lavoro accessibile praticamente a chiunque. L’umorismo e la sorpresa sono le prime reazioni a questa combinazione bizzarra, vorresti anche far nascere una riflessione?
Sì, gli elementi del gioco e del cibo sono stati scelti per la loro accessibilità interculturale. Ma io sono un artista americano e il lavoro così com’è arriva da una prospettiva anch’essa americana. La sorpresa e l’ironia sono le note più alte di questo lavoro, studiate per coinvolgere l’osservatore. Ma ci sono temi più profondi che spesso vengono persi. Sono correlati alla relazione disfunzionale che l’America ha col cibo: consumo eccessivo, porzioni esageratamente grandi, produzione industrializzata, spettacolarizzazione degli alimenti, ecc.

Aggiungi delle didascalie originali alle tue foto che sembrano dare forza al mondo surreale che rappresenti. Sono dei suggerimenti per interpretare la scena?
Le didascalie sonoproprio studiate per rinforzare il contesto e l’umorismo del lavoro. Ma al di là dei temi che ho suggerito qui sopra, sto sempre attento a non spiegare troppo di queste immagini. Credo sia importante lasciare il giusto spazio all’osservatore di modo che trovi la sua interpretazione e forse possa dare un suo significato al’opera.
Il mondo che rappresento all’interno di queste immagini supporta l’idea che dovremmo sempre lottare per guardare il mondo sempre più da vicino. Così le didascalie aiutano a cionvolgere e a trattenere l’osservatore più a lungo. Si guarda l’immagine all’inizio e si sorride, poi ci si ferma ancora un po’ mentre si assorbe la didascalia e poi si sorride di nuovo. Funzionano insieme.

Potresti spiegare il titolo della serie? Suona come una provocazione, è esatto?
Il lavoro si chiamava “Disparity” all’inizio, per sottolineare per l’appunto la differenza tra le figure umane e gli sfondi di cibo. Ma più recentemente è stato rinominato “Big Appetites”, che gioca maggiormente sul tema centrale di questi alimenti eccessivamente grandi. La serie sarà lanciata a livello mondiale come libro verso la fine dell’anno (da Workman Publishing NY) e credo che il nome “Big Appetites” sarà anche il nome della raccolta.

Grazie Christopher!

 

Interview with Christopher Boffoli

Christopher Boffoli is a Seattle-based photographer, writer, artist and filmmaker. Largely self-taught, he took up photography as a hobby in his teens, honing his skills as a student journalist in high school and college.
He has traveled the world, writing and photographing his travels through documentary photography and video.  At home in Seattle, he works as a writer and photojournalist, producing both feature stories and covering breaking news.
His work has been published – online and in print – in more than 90 countries.
Big Appetites is an amazing series started in 2003 and dedicated to food, but not only.

Tiny people in a normal-sized world: are the Gulliver’s Travels one of your cultural inspiration from childhood?
No. Swift’s Gulliver’s Travels certainly is a very good example of an early work that exploits size juxtaposition. I cite it frequently as evidence that the idea of mixing scales goes back very far. Human being’s fascination with miniatures is surprisingly constant in human cultures.
Just consider that museums are full of ancient artifacts going back tens of thousands of years that are essentially miniature idols and representations of the real world.
My work was more influenced by a lot of the television in cinema I saw growing up in the late 1970’s and early 1980’s which also used the concept of scale juxtaposition (Dr. Shrinker (1976), The Incredible Shrinking Woman (1981), Honey I Shrunk the Kids (1986).
I was also an avid model builder and a collector of perfectly detailed Matchbox cars. The idea of mixing scale between people and the world around them was ubiquitous during my childhood.

You say that food and toys are among the most common elements in every culture in the world and make your works accessible to almost everybody. Humor and surprise are the first reactions to this weird combination, would you also like to arouse reflection?
Yes, the elements of toys and food were chosen for their accessibility cross-culturally.  But I am an American artist and as such the work comes from an American perspective.  Surprise and humor are the top notes in this work, designed to engage the viewer.  But there are deeper themes in the work that are often missed.  They are related to America’s often dysfunctional relationship with food:  over-consumption, excessive portion sizes, industrialized food production, food spectatorship, etc.

You put original captions on your pictures which seem to give strength to the surreal world you represent. Are they suggestions to explain these scenes?
The captions are really designed to reinforce the context and humor in the work. But other than the themes I have suggested above, I also want to take care never to explain too much about the images. I think it is important to allow space for the viewer to find their own way into the work and perhaps even impart their own meaning.
The world that I present within the frame of my photographs supports the notion that we should always strive to look more closely at the world.  So the captions also help to engage and hold the viewer longer.  They look at the image first and laugh and then are held there longer when they ingest he caption and then laugh again.  It works together.

Could you explain the title of the series? It sounds provocative, doesn’t it?
The work has been called ‘Disparity’ in the past, due to the disparity between the figures and the food backgrounds.  But more recently it has been called ‘Big Appetites’ which plays more on the central theme of excessively large foods.  The work will be released worldwide as a book later this year (by Workman Publishing NY) and I think Big Appetites will be the title of the book as well.

Thank you Christopher!

boffoli caption 1

boffoli caption 2

boffoli caption 3

boffoli caption 4

boffoli caption 6 © Christopher Boffoli

Man and nature – Part 2

gennaio 23, 2013

Il post di ieri, Man di Steve Cutts, descriveva l’interazione tra l’uomo e la natura in modo piuttosto catastrofico. Ecco perché mi sembrava giusto bilanciare proponendovi un’anteprima di un libro che ho appena acquistato, “Tree houses” , Philip Jodidio, della casa editrice Taschen.
Come dice lo stesso editore “Questo studio sorprendentemente illustrato offre una panoramica delle migliori case sugli alberi del mondo, alcune progettate da architetti, altre lavoro di artigiani sconosciuti. Una casa da té, un ristorante, un hotel, una casetta per bambini o un trespolo da cui contemplare la vita: la casa sull’albero può prendere tutte le forme che l’immaginazione può offrire. In tempi di preoccupazione per la sostenibilità e la responsabilità ecologica, la casa sull’albero può essere anche il massimo esempio di una vita in simbiosi con la natura.”
Le illustrazioni dell’artista Patrick Hruby di Los Angeles completano il libro.

In vendita qui.


My latest post, Man by Steve Cutts
, describes the interaction Man-Nature in a catastrophic way. That is why I wanted to rebalance the mood suggesting you a very interesting book I have just bought, “Tree houses” by Philip Jodidio for Taschen.
As the publisher says: “This stunningly-illustrated study offers a tour of the best tree houses in the world, some designed by architects, others the work of unknown craftsmen. A teahouse, a restaurant, a hotel, a playhouse for children, or a perch from which to contemplate life—the tree house can take as many forms as the imagination can offer. In times of concern for sustainability and ecological responsibility, the tree house may also be the ultimate symbol of life in symbiosis with nature.”

Illustrations by artist Patrick Hruby from Los Angeles complete the book.

On sale here.

cover_va_tree_houses_1207231603_id_512904tree houses 1 tree houses 3 tree houses 4

Fulvio Bonavia

gennaio 18, 2013

Un paio di giorni fa stavo cercando nuovi materiali e controllavo come sempre i “most loved” della settimana di AnOther. Così ho trovato “A matter of taste” di Fulvio Bonavia, una serie di immagini la cui icona più rappresentativa è questa borsa di mirtilli. Questo lavoro non è particolarmente recente, ma come disse un’amica che lavora nella moda “Quel che conta è il gusto, non le mode”.

Two days ago I was looking for new materials and checked as usual the most loved of the week of AnOther. There I found “A matter of taste” by Fulvio Bonavia, a series of pics leaded by this easily recognizable blueberry bag. This work is not really recent, but as a friend in fashion industry once said “Only taste counts, not trends”.

fulvio-bonavia-A-Matter-of-Taste06

Vorrei continuare con qualche immagine della stessa serie e dare poi un assaggio di qualche altro lavoro di questo fotografo editoriale e pubblicitario pluripremiato.

I would like to go on with some pics of the same series then give a taste of other works by this award-winning advertising and editorial photographer.

fulvio-bonavia-A-Matter-of-Taste02 fulvio_bonavia dsc_0811

Landscape

FB00280 bonavia landscape

Scent of flower

edible-fashion-accessories-fulvio-bonavia-20 Fulvio_Bonaviab

Paris market

fulvio bonavia paris Fulvio-Bonavia paris
© Fulvio Bonavia