Archive for gennaio 2010

“Summa” di tecnologie

gennaio 30, 2010


Molte case automobilistiche parlano da tempo del motore elettrico, ma questa tecnologia viene continuamente rimandata a causa della mancanza di infrastrutture e delle basse prestazioni.

Ecco cosa si è inventata Quattroruote in collaborazione con Mid e Baolab per cercare di sfruttare al meglio le tecnologie già esistenti, pensando all’ambiente e ad una realizzabilità quasi imminente.

Si chiama Summa ed è un’auto intelligente a partire dall’accensione: infatti, la chiave è un concentrato di elettronica che oltre alle normali funzioni di apertura e avviamento attiva il collegamento wi-fi a Internet e contiene un sistema di riconoscimento dell’impronta digitale per la personalizzazione delle impostazioni.
Una funzione utile anche per “depotenziare” il motore quando l’auto viene guidata da neopatentati.  Ma non si tratta dell’unica trovata, i materiali e gli accessori sono tutti studiati e pensati per una fruizione semplificata ed ecologica.

Leggi di più qui e guarda il video.

Parcheggio eroico

gennaio 29, 2010

Coca cola happiness

gennaio 28, 2010

Safe safe safe…

gennaio 28, 2010

Marte in fotografia

gennaio 27, 2010

Ecco alcune delle fotografie rilasciate dalla Nasa che ritraggono la superficie di Marte.  Il Mars Reconnaissance Orbiter dell’agenzia spaziale statunitense, la Nasa, ha fino ad oggi realizzato piu’ di 13mila fotografie. Gli scatti vengono effettuati dalla High Resolution Imaging Science Experiment (HiRISE), una delle tecnologie più potenti al mondo.



Percusiveart – Charles Clary

gennaio 27, 2010

Ecco queste originali sculture di carta in rilievo da applicare sulle proprie pareti. Eccone altre sul blog di Charles Clay.

 

Ecco le case del futuro: 24 mq di autonomia

gennaio 27, 2010


Si tratta di un modulo abitativo di 24 mq ideato da dagli istituti di ricerca Empa ed Eawag, e che è stato presentato in questi giorni alla Swissbau Exihibition di Basilea.

Il modulo è completamente autosufficiente: la corrente arriva dai pannelli solari, l’acqua da un serbatoio da 200 litri con depuratore e non c’è neppure bisogno del gas…si usano dei sofisticati sistemi ad idrogeno!
Leggi maggiori informazioni su Wired.it

Avatar: com’è stato realizzato?

gennaio 27, 2010

James Cameron, regista di successo (ma un tempo camionista!) sognava fin dagli anni ’70 di realizzare un vero e proprio colossal di fantascienza, ma è nel 1995 che scrive la storia di Pandora. Purtroppo al tempo non c’erano sufficienti tecnologie che potessero supportare effetti speciali così avanzati e il regista decise di aspettare.

Durante gli anni ha fatto realizzare speciali telecamere 3D che iniziassero a sperimentare nuove possibilità. Le ha fatte utilizzare da diversi colleghi anche per preparare il pubblico alle potenzialità della tridimensionalità.

Anche il modo di recitare si è avvalso della tecnologia, gli attori avevano sempre dei puntatori collegati ai relativi visi Avatar per poter dare loro un’espressività realistica. Ma non solo…è stato coinvolto anche uno studioso che inventasse una vera e propria lingua per Pandora!
Nulla è stato lasciato al caso e il risultato è davvero sorprendente.

Lichtenstein alla Triennale di Milano

gennaio 27, 2010

Meditations on Art

A cura di
Gianni Mercurio
26 Gennaio
30 Maggio 10

Orario:
10.30 – 20.30,
chiuso il lunedì
Giovedì:
10.30 – 23.00

Luogo: Triennale di Milano

Ingresso: 9 € – 6.5 € – 5.5 € – 5.5 €

Roy Lichtenstein espone in Europa con una mostra antologica presso la Triennale di Milano che, nel mese di luglio, sarà trasferita al Ludwig Museum di Colonia, dove rimarrà aperta al pubblico fino al 3 ottobre 2010.
Realizzata in collaborazione con The Roy Lichtenstein Foundation e prodotta dalla Triennale di Milano e da Alphaomega Art, l’esposizione include oltre cento opere, oltre a numerosi disegni, collages e sculture provenienti da collezioni pubbliche e private internazionali (Ludwig Museum di Colonia, Ludwig Forum di Aachen, Louisiana Museum di Copenaghen, Whitney Museum, Gugghenheim Museum di New York,  Moderner Kunst Museum di Vienna, the Broad Art Foundation di Los Angeles).

Air Umbrella: ecco l’ombrello d’aria

gennaio 25, 2010

Tempo fa avevo pubblicato il ventilatore senza pale di Mr Dyson, rieccomi ora con un ombrello che funziona all’incirca con lo stesso meccanismo. I designer Je Sung Park e Woo Jung Kwon hanno immaginato l’Air Umbrella. E’ un concept costoso e quindi poco  competitivo rispetto al tradizionale ombrello, ma l’idea è comunque carina.
Leggi i dettagli del concept su Gadget Blog.